INDICE BLOG simbolo del sito 02 FEBBRAIO 2021

Dada, l'alta cucina inimitabile

Linea down INTERIORDADA Linea down Icona freccia down


Dada Cucine

Dada, l'alta cucina inimitabile



Dada è un marchio, un’immagine riconoscibile e inimitabile in tutto il mondo ed è garanzia di realizzazioni di eccellenza e di alta gamma nel settore delle cucine. È il 1972 quando il marchio Dada viene ufficialmente creato grazie all’impegno di Gaetano Garavaglia che dà nuovo impulso al laboratorio fondato nel 1926 da Angelo Garavaglia. Si apre così un nuovo capitolo per la storia della produzione di mobili italiani d’alta cucina. È il 1979 quando Dada Cucine entra a far parte del Gruppo Molteni assumendo quell’identità visiva, frutto dell’intuizione di Luca Meda, che l’accompagna fino a oggi. Iniziano così le collaborazioni con architetti, designer, fotografi e grafici tra i più influenti e innovativi al mondo che contribuiscono a creare tutta la narrazione di Dada. Sì perché Dada non è solamente un marchio di mobili ma è una vera e propria ispirazione che fa dell’innovazione, della contemporaneità, della qualità dei materiali, della conoscenza tecnologica e del rapporto con lo spazio la propria trama.

Oggi Dada Cucine è leader nel mercato nel settore delle cucine in virtù di una produzione di modelli tutti diversi per tipologia, funzione, finiture e materiali utilizzati. È possibile combinare tra di loro elementi singoli di ogni serie così da creare soluzioni iper-specifiche ed estremamente personalizzate per soddisfare le esigenze dei Clienti che, non trascurando la funzionalità, non vogliono assolutamente rinunciare a prodotti di alto design. Le sperimentazioni e le contaminazioni con figure professionali di altissimo livello, unite al costante studio sui materiali e alla ricerca progettuale, garantiscono l’immissione sul mercato di tipologie di cucine affidabili e originali dove le tecnologie sono indispensabili senza mai risultare invasive o coprenti.

È il design la stella polare dell’universo Dada. Un design che dà vita a creazioni che possono diventare ‘di serie’ ma anche a realizzazioni uniche, che ben si inseriscono in contesti architettonici importanti, come ad esempio, i progetti speciali contract.

È il caso di Ratio, la cucina disegnata da Vincent Van Duysen che, nella veste rinnovata in materia di componibilità e materiali, mantiene un carattere architettonico particolare e riconoscibile; oppure Sistema XY dove la funzionalità è perfettamente integrata con geometrie perfette e modulari ispirate alla razionalità cartesiana.

 

Ratio e le Architetture per la cucina

Ratio è la cucina pensata come componibile dove è la struttura e essere protagonista e a imprimere una direzione a tutta la realizzazione: le basi, i pensili, le colonne, le cappe e gli accessori sono architettonicamente disegnati e definiti dai reticoli metallici. Il risultato è l’eterno ed elegante gioco di equilibri dove piani diversi e volumi pieni e vuoti si alternano e si agganciano agli elementi tecnici della struttura così esili e minimali.

Ratio non è soltanto architettura lineare. Van Duysen inserisce infatti nella sua progettazione anche soluzioni ad angolo, isole poste al centro e mobili per accessori in grado di soddisfare, grazie alle loro finiture, anche i Clienti più esigenti. Ovviamente non mancano i piani dove consumare snack e soluzioni innovative e funzionali dedicate sia alle zone lavaggio sia a quelle cottura che si integrano alla perfezione nella grammatica del progetto. Una grammatica che si arricchisce anche di nuove basi, con ante a doghe, e un sistema di illuminazione che disegna una cornice decorativa e suggestiva.

I materiali scelti, selezionati dopo un’attenta ricerca, richiamano le tonalità mediterranee con i loro colori riconoscibili: si trovano alternate essenze raffinate come il rovere Thermo e pietre naturali sofisticate come la nuova Breccia Capraia, il marmo silk georgette o il travertino rapolano a cui vengono aggiunti e intervallati metalli come l’alluminio bronzo.

Ratio è una vera e propria cucina grafica all’interno della quale ogni elemento, struttura, superficie e montante è parte di un’architettura in piena vista.

 

Il Sistema XY, il piano cartesiano che definisce lo spazio degli accessori in cucina

Francesco Meda ha progettato un nuovo sistema funzionale per la cucina, ispirandosi alla perfezione di un’intuizione che dà la regola, oggi e per sempre, ai ragionamenti e al rapporto con lo spazio: il piano cartesiano. Nasce così il Sistema XY in cui ogni gesto, ogni accessorio della cucina ha il proprio posto muovendosi sull’asse dei binari X e Y.

La particolarità di questo Sistema è la possibilità di poter essere abbinato e combinato con i diversi modelli proposti da Dada Cucine con uno sviluppo sia a parete sia a isola indipendente. Come le coordinate cartesiane, il Sistema XY si orienta in verticale e orizzontale grazie ai diversi profili estrusi in alluminio. Il canale attrezzabile centrale, l’asse fondamentale, è la sede di contenitori porta coltelli, porta taglieri, porta spezie e condimenti ma anche di vani per prese elettriche, cappe per estrazioni di fumi, scolapiatti.

Dal canale attrezzabile è possibile inserire elementi che si sviluppano in verticale come montanti che supportano mensole in alluminio con diversi finiture per i ripiani, in legno o in acciaio inox, che generano estetiche differenti ora più calde ora più industriali e tecniche.

Tutto ciò è solo un inizio. Grazie alla sua flessibilità, il Sistema XY potrà dotarsi in futuro di nuovi aspetti e di nuove tipologie di utilizzo. I suoi elementi che disassemblati ridivengono componenti mono materici in allumino, vetro e legno e guardano già al futuro di una produzione sostenibile orientata al riuso per raggiungere sempre nuove combinazioni che sappiano incarnare lo spirito dei tempi.

Il Sistema XY disegna davvero il piano cartesiano del futuro.

 

 

Stay up to date! Registrati alla nostra newsletter