INDICE BLOG simbolo del sito 23 SETTEMBRE 2020

La filosofia di Artemide incontra Sag‘80

Linea down INTERIORARTEMIDE Linea down Icona freccia down


Artemide Callimaco

La luce al servizio dell’uomo e delle sue esigenze: la filosofia di Artemide incontra quella di Sag ‘80

Umanità e luce, un rapporto indissolubile ed eterno. La ricerca della luce è un movimento irrinunciabile della storia umana. Luce dai molteplici significati e valori che assume un ruolo importante all’interno delle abitazioni. Molto più di un semplice dettaglio, deve mettersi al servizio dell’uomo e delle sue esigenze. Questa è la filosofia che ha ‘illuminato’ il cammino di Artemide, un brand tutto italiano leader nel campo nel settore lighting, con più di mezzo secolo di storia alle spalle, nella sua continua ricerca e confronto fra tradizione e innovazione, presente e passato nella luce del futuro. È dal suo motto “The Human and Responsible Light”, negli istanti di luce necessari nella vita di ciascun essere umano, che nascono creazioni diventate vere e proprie icone di design.

Tra tutte la Callimaco di Ettore Sottsass, datata 1982, entrata nella storia del design e non intenzionata a uscirne. Una lampada che racconta un dialogo tra modernità e passato, ed espressione riuscita dell’incontro tra illuminazione e design, caratteristiche insite nel Dna di Artemide.

Ed è proprio su queste suggestioni che si innesta la ricerca dei brand da parte di Sag ‘80. Bellezza e funzionalità che portano un messaggio chiaro, una rivoluzione nella concezione della casa e dei suoi complementi di arredo. Anche qui un incontro di filosofie potentissimo: da un lato Artemide, i suoi linguaggi fatti di luce e sperimentazione, dall’altro Sag ‘80 che, della ricerca di soluzioni perfette, ha fatto la sua sfida più importante.

 

L’uso della luce a LED per creare atmosfera

L’illuminazione a LED è oramai entrata stabilmente all’interno della progettazione di una casa, aprendo nuovi scenari. Grazie a questa straordinaria tecnologia è infatti possibile creare ‘effetti speciali’ in ogni angolo perché la luce è in grado di cambiare il volto, e forse anche il destino, della zona che illumina. In questo senso la tecnologia a LED offre una miriade di soluzioni ed una nuova consapevolezza: per avere una buona illuminazione all’interno della casa non è più sufficiente scegliere solamente un buon lampadario! Con il LED è possibile giocare con l’intensità della luce, ora più potente, ora quasi impercettibile, nell’eterna lotta tra colori caldi e freddi. Avvolgenti gli uni, funzionali gli altri. Ad esempio nella zona di lavoro in cucina è consigliato avere delle luci intense, nitide e senza ombre, mentre il soggiorno ben si presta all’interazione tra più punti luce che creano il giusto equilibrio tra relax, estetica e funzionalità.

Il discorso si capovolge nettamente per quanto riguarda l’illuminazione della camera da letto che non va trattata come le altre stanze. È la zona più intima della casa e, più di tutte, deve essere calda e accogliente dal risveglio fino all’ultimo pensiero prima di andare a dormire. Non è più tempo di un unico punto luce che abbaglia gli occhi e, grazie alla tecnologia a LED, è possibile regolare l’intensità della luce: da una più intensa a una molto più soft per non affaticare lo sguardo e coccolarlo durante tutto il giorno.

Ovviamente a tutti questi vantaggi si aggiunge anche una rinnovata sostenibilità nella lunga durata dei dispositivi e nel risparmio energetico che garantiscono.

 

Luce indiretta e design minimo: La Callimaco non passa mai di moda

Callimaco. Già il nome del poeta greco è premessa di stile che gareggia con l’eternità.

Nel caso di Artemide, Callimaco è la splendida lampada da terra realizzata nel 1982 dal grande designer Ettore Sottsass. Si presenta con base e diffusore in acciaio verniciato, lo stelo in alluminio verniciato anch’esso e una maniglia in metallo cromato lucido.

A prima vista può sembrare una scultura, quasi ambigua, più che una lampada. Ma avvicinando lo sguardo si rivela come una sofisticata piantana, una luce che parte da terra e gioca tra ottone, rame e acciaio con la maniglia sul lato. La Callimaco è anche ironica: il piccolo ombrello che ha sulla sommità non la rende un lume classico ma un oggetto con uno sguardo rivolto al futuro, un post-modernismo indovinato.

Sarà per questo che, dopo quasi quarant’anni, è ancora un oggetto irrinunciabile per gli intenditori di design.

Sa farsi notare, con humor e discrezione.

 

Artemide Ettore Sottsass
Stay up to date! Registrati alla nostra newsletter Scarica la nostra app iOS