INDICE BLOG simbolo del sito 11 MAGGIO 2021

Divani Arflex, comfort e stile eterni

Linea down DESIGNARFLEX Linea down Icona freccia down


Divani Arflex

Divani Arflex, made in Italy al servizio del comfort e del design

 

Comodo, funzionale con un’estetica raffinata che strizzi l’occhio a suggestioni vintage senza però trascurare una certa modernità nelle linee e nei materiali. Il divano è elemento imprescindibile in ogni casa, arredo capace di dare identità ad un ambiente, pur nella sua linearità e, soprattutto, prolungamento del nostro corpo quando siamo stanchi e sprofondiamo nella sua morbidezza.  L’importanza di un divano si misura al momento della scelta, quando si iniziano a prevedere i momenti che si trascorreranno su di esso, da soli o in compagnia. Ecco quindi che decidere quale sia il modello più idoneo agli spazi e al mood dell’ambiente che andrà ad occupare è determinante. Dalla palette ai materiali, passando per le forme e lo stile, oggi il mercato ha creato intorno al divano un'aura da oggetto del desiderio. Il made in Italy ha come azienda simbolo del settore Arflex, una storia tutta italiana che inizia negli anni ‘50 in un piccolo stabilimento a Milano, in  Corso di Porta Vittoria, e diventa da subito simbolo di cultura artigianale, sperimentazione ed innovazione, grazie anche a collaborazioni con i migliori designer, che hanno creato dei pezzi iconici e senza tempo entrati nella storia del design mondiale. La grande forza di Arflex, da sempre, è la sua capacità di sintesi tra design, qualità, uso e colore, che ha fatto dei suoi arredi dei must da avere in casa.

 

‘Strips’ di Cini Boeri, il divano pop che si trasforma in sacco a pelo

Un divano basato sul rivestimento e non più sulla struttura. Questa è stata la grande rivoluzione del modello Strips, disegnato per Arflex da Maria Cristina Mariani Dameno, più conosciuta come Cini Boeri (dal cognome del marito), l’architetta, allieva di Gio Ponti, scomparsa lo scorso settembre. Si tratta di un pezzo storico del disegno industriale italiano, un best seller amato e premiato che dall'anno della sua nascita, avvenuta alla fine degli anni '60, non ha smesso di riscuotere consensi e apprezzamenti, e di rinnovarsi in successive interpretazioni. Cini Boeri per questo divano dall’enorme versatilità sceglie un imbottitura con poliuretano indeformabile per garantire il comfort della seduta, posizionata su un’anima in legno, ed è stata la prima a farlo, aggiungendo poi la trapunta, il rivestimento sfoderabile. “Esso è usato come un vero guscio da sfilare, lavare, mutare, rinfilare e si chiude con una cerniera lampo come un vestito sopra il corpo di poliuretano,” scriveva Cini Boeri nel 1974. Il progetto avrebbe dovuto chiamarsi ‘Christo’, per tributare l’artista americano che all’inizio degli anni Settanta impacchettò il monumento a Leonardo da Vinci in Piazza della Scala, a Milano. Da lì l’idea di fare lo stesso per il progetto di una nuova serie di imbottiti.

Oggi la collezione si è evoluta e la famiglia Strips si compone di una serie completa di imbottiti: divano a due e più posti, pouf, e vari elementi componibili, tutti disponibili in differenti misure.

 

‘Marenco’, divano del 1970  dalle  forme morbide ed innovative

Comfort, morbidezza, sperimentazione e stile. Sebbene sia stato creato nel 1970 il divano Marenco di Arflex continua a mantenere inalterate le caratteristiche lo hanno fatto diventare un intramontabile icona del design internazionale. Il suo autore, da cui prende il nome, Mario Marenco, l’irriverenza fatta architetto, era un personaggio eclettico, ironico, controcorrente che ha traslato il suo modo di essere, la sua visione, all’interno delle sue realizzazioni. Conosciuto ai più perché volto televisivo in trasmissioni irriverenti e di successo come ‘Alto gradimento’ e ‘Indietro Tutta’, al fianco di Renzo Arbore, il designer foggiano ha lasciato al mondo dell’architettura e del design un notevole contributo. Il sofà che porta il suo nome, creato per Arflex,  è frutto della continua ricerca e sperimentazione. Introduce infatti un sistema rivoluzionario di assemblaggio dei cuscini e dei braccioli alla base. I cuscini vengono semplicemente infilati un telaio in tubolare metallico che aumenta la rigidità e la resistenza, senza dimenticare il comfort, dato dalle maxi forme tondeggianti. L'imbottitura in poliuretano espanso indeformabile a densità differenziate consente poi al corpo di sprofondare comodamente, mentre la struttura interna in tubolare metallico garantisce il corretto sostegno. Mario Marenco ha così  desiderato coniugare resistenza e comfort con le possibilità date dall’uso del tubolare metallico accoppiato all’imbottitura poliuretanica del rivestimento.  Nel 2007 il divano Marenco ha vinto il Wallpaper Design Awards Best Reissues, diventando così un oggetto di design immortale, tanto che ad oggi ne esistono versioni di diverse colorazioni che lo rendono ancora più moderno ed identitario.

 

‘Frame’ di Carlo Colombo, divano dal fascino sempre attuale

Comfort, funzionalità ed estetica sono gli elementi che contraddistinguono ‘Frame’, il divano iconico disegnato da Carlo Colombo, un architetto che, durante la sua carriera, ha portato la sperimentazione e il made in Italy in tutto il mondo. I prodotti creati per Arflex incarnano perfettamente l’unione tra il suo DNA e quello dell’azienda milanese. Nel caso di ‘Frame’ le linee geometriche, l’astrazione formale e la pulizia dei dettagli, senza rinunciare a un linguaggio decorativo minimale, lo rendono un divano intramontabile e versatile, capace di adattarsi ad ambienti retrò ma anche dallo stile più moderno. Il sistema di seduta ha una linea confortevole e può essere declinato sia nella versione pelle e tessuto, sia  in cuoio intrecciato, un rivestimento che lo rende ancora più elegante ed identitario.

 

‘Hug love seat’ di Claesson Koivisto Rune, il divano accogliente come un abbraccio

“L’abbraccio, il gesto affettuoso e accogliente, visibile più chiaramente nella posizione delle ‘braccia aperte’ dei braccioli, è inteso come un invito universale: vieni, siediti un momento e ti metterò a tuo agio”. Così  Claesson Koivisto Rune, la partnership architettonica svedese fondata a Stoccolma nel 1995 da Mårten Claesson, Eero Koivisto e Ola Rune, ha descritto l’ispirazione che ha dato vita al divano ‘Hug Love Seat’ realizzato per Arflex.  Si tratta di un modello avvolgente che diventa un luogo comodo e rilassante per proteggersi dalla frenesia della vita. L’ambiente dove è posto questo divano dalle misure contenute, perfetto anche quando non ci sono grandi spazi, dà la possibilità di creare nel proprio salotto una zona che invita a sedersi e a rilassarsi. I materiali sono preziosi: la struttura e il basamento sono in metallo, mentre i profili sono in legno tinto noce canaletto, wengè o rovere. L’imbottitura della seduta è in poliuretano schiumato in stampo e il rivestimento in fibra di poliestere, mentre i piedini regolabili sono in pvc nero.

 

Arcolor di Jaime Hayón, forme ad arco e stile retrò

Riprende la geometria classica dell’arco il divano ‘Arcolor’ che l’artista-designer madrileno Jayme Hayón ha disegnato per Arflex. Si tratta di un sistema modulare che, a differenza di altri modelli simili in apparenza squadrati, è stato creato dando morbidezza alle forme, con il risultato di aver realizzato qualcosa di organico. La consistenza di questo approccio si applica anche alle gambe, con archi, che toccano il pavimento. Una forte coerenza e ripetizione ritmica delle forme che ricordano l’acquedotto romano e si adattano bene ai contesti più diversi, sia pubblici che privati, dai soggiorni alle lobbies. Hayón forte della conoscenza e del gusto per l’artigianalità di alta gamma con ‘Arcolor’ ha dato vita ad un divano di design destinato a diventare icona.

 

Impreziosisci i tuoi spazi con il design!

Chiamaci al +39 02 63470257
oppure scrivici ed invia una planimetria.

Un nostro designer ti guiderà nelle scelte.